Logo Macerata Musei - Palazzo Buonaccorsi - Arte Antica
 
 
 
 
 
 
 
Crivelli, Madonna col Bambino
 
 
 
 
 
  
 

ARTE ANTICA e GALLERIA DELL’ENEIDE

 

Il piano nobile ospita la raccolta di arte antica ordinata nelle tredici sale affrescate corrispondenti all’appartamento di rappresentanza della famiglia Buonaccorsi e la monumentale Galleria dell’Eneide, creata dal conte Raimondo nei primi decenni del ‘700 con una ricca serie di dipinti ispirati al poema virgiliano.


Raimondo Buonaccorsi (1669 - 1743) figura nel novero di quegli aristocratici italiani che con il loro diffuso collezionismo crearono una fittissima rete di rapporti fra artisti, territori e società dalla piena età barocca fino alle soglie dell’illuminismo. All’epoca il palazzo ospitava una ricca collezione di famiglia e preziosi arredi. Oggi gli stessi spazi espongono un centinaio di opere, in parte provenienti da chiese e conventi e, in maggior numero, da collezioni private giunte in tempi diversi ad incrementare la pinacoteca civica, che fu ufficialmente istituita nel 1860 dopo il lascito del pittore e architetto maceratese Antonio Bonfigli (1806- 1865).


Verso un nuovo museo della città, la sezione di arte antica propone un percorso ordinato cronologicamente, a partire dalle testimonianze artistiche quattrocentesche, fra cui la piccola Madonna con Bambino di Carlo Crivelli l’opera più nota della collezione. Vi figurano aspetti peculiari della città, come l’accademia dei Catenati, cenacolo di umanisti sorto nel 1574 che nella sua lunga parabola annoverò fra i propri adepti anche Torquato Tasso. Al percorso di storia cittadina  si intreccia l’esposizione di opere provenienti da raccolte private Borgetti (1835), Bonfigli (1860) Filippucci (1935) Piani (1945) Ciccolini (1956). Moroni (1986).



Il percorso è dotato di apparati multimediali che consentono la lettura dei miti affrescati nei fregi delle sale e nella volta della Galleria dell’Eneide in parallelo alla scoperta del patrimonio artistico e monumentale della città. Un’istallazione multimediale suggerisce una chiave di lettura delle 25 imprese di accademici catenati.