Logo Macerata Musei
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
  
 

SCARROZZANDO PER MUSEI...

Fossombrone, Quadreria Cesarini, 24 novembre 2010

 
modello di carrozza pistoiese

Prima dell'auto... Una carrozza "pistoiese"

Il 24 novembre 2010, nell'ambito delle presentazione del restauro di una carrozza "pistoiese" donata al Comune di Fossombrone, Maria Vittoria Carloni del Museo della Carrozza di Macerata illustrerà le caratteristiche tecniche del veicolo e il suo utilizzo nella prima metà del secolo scorso.

Si tratta di una vettura scoperta a quattro ruote e a due posti. Deve il suo nome all'omonima città toscana dove ebbe enorme diffusione sino al sopravvento delle prime automobili.Ha la caratteristica del mantice di copertura, nel caso specifico realizzato in tela piuttosto che in cuoio. Da ciò che si denota dalle foto, oltre ad un certo livello di sporco, le condizioni generali del veicolo non sembrano seriamente compromesse; più che altro sembrano esserci interventi posticci: mantice e tappeto parrebbero non originali. Per il resto la struttura è tipica del modello: la cassa è in legno vivo, le sospensioni sono quattro molle di forma ellittica, sono presenti il freno ed i fanali tondi, le ruote sono cerchiate in ferro. Dai punzoni sui pignoni delle ruote si potrebbe leggere la sigla della casa costruttrice. Questo esemplare, inoltre, è dotato di cassetta per la guida, collocata sopra il parafango a ventaglio anteriore, e di ripiano porta oggetti dietro il mantice. È una carrozza predisposta per la guida di un solo cavallo, così come attestano le due stanghe attaccate sul davanti, che lambiscono i fianchi dell'animale. Veniva solitamente adoperata in campagna, negli spostamenti di medici, veterinari e commessi viaggiatori, oppure per le gite in campagna di famiglie borghesi.

L'evento si terrà alle ore 17.00 presso la  Quadreria Cesarini di Fossombrone (Via Giacomo Pergamino, 23).